LA VERTIGINE PAROSSISITICA POSIZIONALE BENIGNA - Dott. Grazioli Francesco
Paziente  seduto, con le gambe fuori dal lettino, occhi chiusi, braccia conserte  (posizione n. 1 nella figura) Porsi rapidamente sul fianco critico con la testa girata di 45° verso l’alto (posizione n. 2 se è in causa il labirinto sinistro; posizione n. 3 se è in causa il labirinto destro)
VERTIGINE PAROSSISITICA POSIZIONALE BENIGNA
413
page-template-default,page,page-id-413,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

LA VERTIGINE PAROSSISITICA POSIZIONALE BENIGNA

Esercizio di riabilitazione sec. Brandt Daroff

BRANDT DAROFF
  1. Paziente  seduto, con le gambe fuori dal lettino, occhi chiusi, braccia conserte  (posizione n. 1 nella figura)
  2. Porsi rapidamente sul fianco critico con la testa girata di 45° verso l’alto (posizione n. 2 se è in causa il labirinto sinistro; posizione n. 3 se è in causa il labirinto destro)
  3. Attendere l’insorgenza e la scomparsa della vertigine o comunque restare il quella posizione per 15-20 secondi
  4. Riportarsi nella posizione n. 1 della figura ed attendere 15-20 secondi
  5. Porsi rapidamente sul fianco controlaterale  (posizione n. 3 se prima si è passati dalla n. 2 o vice versa) posizionando la testa ancora a 45° ed attendere 15-20 secondi
  6. Riportarsi nella posizione n. 1 della figura ed attendere 15-20 secondi
  7. Ripetere la serie di posizionamenti sino a quando ciascuno di essi non è più in grado di evocare vertigini. 
  8. Gli esercizi devono essere ripetuti a domicilio, almeno due volte al giorno, sino ad ottenere almeno due giorni senza sintomi.
  9. Se non sono presenti vertigini ripetere il movimento per 10 volte almeno due volte al dì
  10. Gli esercizi possono essere svolti da soli o facendosi aiutare. In quest’ultimo caso chi aiuta deve tenere il viso del paziente con le mani comandando gli spostamenti.