Chirurgia - Dott. Grazioli Francesco
Patologie allergiche, frequenti stati infiammatori, alterazioni climatiche, inquinanti inalatori, l’utilizzo di vasocostrittori portano ad ipertrofia dei turbinati inferiori.
Turbinoplastica con radiofrequenza, la chirurgia della tiroide, cisti mediana del collo, lipomi
352
page-template-default,page,page-id-352,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Chirurgia

TURBINOPLASTICA CON RADIOFREQUENZA

Patologie allergiche, frequenti stati infiammatori, alterazioni climatiche, inquinanti inalatori, l’utilizzo di vasocostrittori portano ad ipertrofia dei turbinati inferiori.

Il paziente avverte una sensazione di naso chiuso con secreto mucoso che scola in rinofaringe, sensazione di orecchio ovattato, roncopatia. Può inoltre manifestare faringite cronica, sinusiti, otite media.

Per questa patologia oggi esiste una terapia chirurgica “mini invasiva” che utilizza  un elettrobisturi a radiofrequenza. Tale tecnica viene applicata in anestesia locale, senza ospedalizzazione e non è necessario alcun tamponamento dopo l’intervento. Il paziente può tornare immediatamente alle sue normali attività. 

LA CHIRURGIA DELLA TIROIDE

la chirurgia della tiroide è oramai diventata una tecnica sicura quando affidata a mani esperte.
Dal 1987 eseguiamo regolarmente questo tipo di intervento con ottimi risultati sia dal punto di vista funzionale quanto dal punto di vista estetico post operatorio in quanto l’accesso chirurgico è minimo. Il danno ricorrenziale (perdita parziale della voce dopo l’intervento legata alla lesione del nervo ricorrente) negli ultimi due anni è dello 0%. Nella nostra struttura ospedaliera siamo attrezzati ad affrontare qualunque tipo di intervento sulla tiroide anche per tiroidi molto voluminose, che si impegnano nel mediastino e che necessitano di un accesso mediante sternotomia oppure per patologie tumorali maligne che comprendano la contemporanea asportazione dei linfonodi del collo.

CISTI MEDIANA DEL COLLO

La cisti mediana del collo è la disembriopatie più frequente ed occupa il secondo posto fra le masse cervicali dopo le adenopatie benigne. Si tratta di un residuo embrionario originato dal dotto tireo-glosso che può dare origine a questa formazione cistica che si evidenzia nella regione sottoioidea. A volte, sia per le dimensioni, sia per i frequenti episodi flogistici, la cisti necessita dell’asportazione chirurgica che andrà condotta con cautela asportando anche il corpo dell’osso ioide pena la recidiva della neoformazione. Il filmato allegato mostra l’intervento chirurgico completo.

LIPOMI

I lipomi sono fra i tumori benigni quelli più frequenti a livello cervicale e le manifestazioni cliniche sono soprattutto di ordine estetico, raramente funzionale e solo per le loro dimensioni importanti. Il filmato allegato dimostra l’asportazione di un voluminoso lipoma della regione sottomandibolare sinistra interessante la regione paralaringea.